IL MOTORE DI RICERCA SULLE OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO PER IL VOLONTARIATO E TERZO SETTORE

  1. >
  2. Europei
  3. >
  4. CERV - Cittadini, Uguaglianza,...
  5. >
  6. Bando DAPHNE: Prevenire e...

Bando DAPHNE: Prevenire e combattere la violenza di genere e nei confronti dei minori – Scadenza posticipata

ENTE EROGATORE

Commissione Europea – DG Giustizia e Consumatori

SCADENZA

24 aprile 2024 scadenza posticipata al 29 maggio 2024

OBIETTIVI

  • Prevenire e combattere a tutti i livelli ogni forma di violenza di genere contro le donne e le ragazze e la violenza domestica, anche promuovendo gli standard stabiliti nella Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza verso le donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul);
  • Prevenire e combattere tutte le forme di violenza contro i bambini, i giovani, così come la violenza contro altri gruppi a rischio, come le persone LGBTIQ e le persone con disabilità;
  • Sostenere e proteggere tutte le vittime dirette e indirette di tale violenza, come nella violenza esercitata all’interno della famiglia o nelle relazioni intime, compresi i bambini resi orfani da crimini domestici garantendo alle vittime lo stesso livello di protezione in tutta l’Unione.

AZIONI FINANZIABILI

Priorità 1 – Azioni transnazionali su larga scala e a lungo termine per contrastare la violenza di genere

Verranno selezionate proposte transnazionali focalizzate su uno degli ambiti di seguito indicati:

  • Violenza domestica: aumentare la consapevolezza e l’accesso ai servizi di supporto per le (potenziali) vittime; rafforzare le risposte di genere alla violenza domestica (anche per i testimoni di violenza domestica), attraverso il rafforzamento delle capacità e la cooperazione e il coordinamento multidisciplinari tra gli attori pertinenti.
  • Pratiche dannose: lotta alle mutilazioni genitali femminili e sterilizzazione forzata, matrimoni precoci e forzati, “violenza d’onore” e altre pratiche dannose contro donne e ragazze.
  • Cyber violenza di genere: contrasto alla violenza informatica di genere, come incitamento alla violenza, stalking online, condivisione non consensuale di immagini, estorsione con l’uso di immagini sessuali (“sextortion”), molestie e bullismo online sessuali o di genere, adescamento, ecc..
  • Violenza e molestie nel mondo del lavoro: contrastare la violenza o le molestie fisiche e psicologiche offline e online nei contesti di lavoro, in particolare, prevenendo tali comportamenti indesiderati, incoraggiando lo sviluppo e l’attuazione di rimedi e meccanismi di sostegno alle vittime e lo sviluppo di pertinenti strumenti, orientamento, istruzione e formazione.
  • Stereotipi di genere: prevenire la violenza di genere affrontando pregiudizi e stereotipi di genere, in particolare quelli relativi a mascolinità, norme, atteggiamenti e comportamenti che incoraggiano, condonano o riducono al minimo la violenza, nonché fornendo a donne e uomini, ragazze e ragazzi gli strumenti per denunciare e resistere alla violenza attraverso programmi di empowerment e d’intervento mirati.

Priorità 2 – Azioni mirate per la protezione e il sostegno delle vittime e delle sopravvissute alla violenza di genere

Saranno sostenuti progetti nazionali o transnazionali centrati su:

  • Protezione e sostegno mirati per i gruppi ad alto rischio di violenza, anche affrontando il fenomeno della scarsità di denunce;
  • Sostegno mirato alle vittime di violenza sessuale;
  • Promozione delle cooperazione multidisciplinare, anche online, tra professionisti pertinenti;
  • Sostegno attraverso linee telefoniche nazionali (helplines) dedicate alle vittime di violenza.

Priorità 3. Azioni mirate per la prevenzione della violenza di genere nella sfera domestica, nelle relazioni intime e online, anche attraverso azioni con i responsabili della violenza

Il fulcro di questa priorità è la prevenzione primaria, attraverso progetti nazionali o transnazionali per:

  • Lo sviluppo di strumenti per la prevenzione della violenza domestica che aiutino a riconoscere ed affrontare i primi segnali di violenza, comprese forme di violenza meno visibili come il controllo coercitivo e la violenza psicologica.
  • Lo sviluppo di misure di prevenzione della violenza nelle relazioni intime, che promuovano relazioni paritarie, che contrastino gli stereotipi e forniscano strumenti per risolvere pacificamente i conflitti;
  • Misure per la prevenzione della violenza di genere nell’ambiente online;
  • Programmi di prevenzione per gli autori di violenza.

Priorità 4 – Azioni mirate attraverso sistemi integrati di protezione dell’infanzia

Verranno sostenuti progetti nazionali e transnazionali che contribuiscano a prevenire e combattere soprattutto due forme di violenza sui minori:

  • le molestie e la violenza sessuale, specie quando si verificano nel contesto educativo formale e informale, nelle attività ricreative, culturali, sportive o in qualsiasi altra attività comunitaria;
  • il bullismo, online e offline, in particolare a scuola o nelle attività ricreative, e che colpisce i minori con vulnerabilità specifiche (ad esempio i minori con disabilità, i minori rom, i minori con un background migratorio), o collegato alla loro religione, genere o orientamento sessuale (ad esempio LGBTIQ).

DESTINATARI

Professionisti dei servizi sociali, operatori sanitari e insegnanti, persone che lavorano con bambini e giovani, rappresentanti delle forze dell’ordine, personale dei centri di accoglienza o in strutture di assistenza alternative, professionisti del settore giudiziario, operatori di linee telefoniche e di assistenza online, psicologi e terapisti che lavorano con bambini, famiglie, bambini, giovani e donne, persone con disabilità, LGBTIQ.

PAESI AMMISSIBILI

  • Stati membri UE: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.
  • PTOM – Paesi e Territori d’Oltremare: 1.Olanda: Aruba, Bonaire, Curaçao, Saba, Sint Eustatius, Sint Maarten; 2. Francia: Nuova Caledonia, Polinesia francese, Terre australi e antartiche francesi, Isole di Wallis e Futuna, Saint Pierre e Miquelon, Saint Barthélemy; 3. Danimarca: Groenlandia
  • Paesi candidati e potenziali candidati: Bosnia Erzegovina, Serbia, Kosovo.

ENTI AMMISSIBILI

Enti pubblici e organizzazioni private stabiliti in uno dei Paesi ammissibili. Il bando è aperto anche a organizzazioni internazionali.

I beneficiari non devono avere scopo di lucro. Le organizzazioni profit possono partecipare solo come partner e non come proponenti.

È fortemente incoraggiato il coinvolgimento nel progetto di un’autorità pubblica, incluso le autorità regionali e locali. Per i progetti relativi alla violenza di genere, le autorità pubbliche possono essere ministeri/agenzie/organismi di parità nazionali, regionali o locali responsabili dell’uguaglianza di genere e/o della fornitura di servizi alle vittime di violenza, autorità di polizia, giudiziarie, sanitarie o educative.

DOTAZIONE FINANZIARIA DISPONIBILE

24.800.000 euro così ripartiti:

  • Priorità 1: 11.000.000 euro
  • Priorità 2: 4.800.000 euro.
  • Priorità 3: 5.000.000 euro
  • Priorità 4: 4.000.000 euro

ENTITÀ DEL CONTRIBUTO

Il contributo UE può coprire fino al 90% dei costi totali ammissibili del progetto.

  • Per la priorità 1, la sovvenzione dell’UE richiesta non può essere inferiore a 1.000.000 o superiore a 2.500.000 euro;
  • Per le priorità 2, 3 e 4 la sovvenzione dell’UE richiesta non può essere inferiore a 100.000 o superiore a 1.000.000 euro.

MODALITÀ E PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE

I progetti afferenti alla priorità 1 devono essere transnazionali, mentre le proposte per le altre priorità possono essere nazionali o transnazionali.   Devono, inoltre, essere realizzati da una partnership costituita da almeno 2 organismi (l’applicant o proponente + 1 co-applicant o partner). Se il progetto è transnazionale applicant e co-applicant devono provenire da 2 diversi Paesi ammissibili.

La durata dei progetti relativi alla priorità 1 è tra 12 e 36 mesi, per le altre priorità la durata è tra 12 e 24 mesi.

Le proposte devono essere presentate per via telematica utilizzando Sistema elettronico di presentazione del Funding & Tender Portal dove sono reperibili anche i documenti necessari (formulari, guida, ecc.).

ID bando: CERV-2024-DAPHNE

LINGUA SCRITTURA DEL FORMULARIO

Le proposte possono essere presentate in qualsiasi lingua ufficiale dell’UE (l’abstract/sommario del progetto dovrebbe comunque essere sempre in inglese). Tuttavia, per motivi di efficienza, la Commissione invita ad usare l’inglese per l’intera candidatura.

CONTATTI

ULTERIORI INFORMAZIONI

Link al bando

Link al programma

Tag

Le informazioni contenute in questo sito sono tratte dalle fonte ufficiali degli enti erogatori, vengono ricontrollate più volte e con cura dalla redazione. Infobandi non è responsabile di eventuali inesattezze dovute a sviste o cambiamenti di procedure e scadenze non tempestivamente segnalate. Si invitano i lettori a usare Infobandi come uno strumento di consultazione e di ricerca e di riferirsi alle fonti originali per reperire la documentazione e verificare le procedure ufficiali