Bando transettoriale per partenariati del giornalismo

Commissione Europea - DG Educazione, Cultura e Audiovisivo

Il bando intende sostenere partenariati del giornalismo che promuovano la cooperazione sistemica tra le organizzazioni dei media dell’informazione per migliorare la redditività e la competitività del giornalismo professionale, supportando la sperimentazione di modelli di business innovativi e la condivisione di best practices tra pari, nonché collaborazioni, standard e formati giornalistici innovativi.


CULTURA: Bando per il sostegno a reti europee di organizzazioni culturali e creative

Commissione Europea - DG Educazione, Cultura e Audiovisivo

Il bando intende sostenere progetti attuati da reti esistenti altamente rappresentative, multinazionali e basate sull’associazione di organizzazioni culturali europee, che coprono diversi Paesi ammissibili a Europa Creativa. Le reti devono avere una missione condivisa, regole di governance e diritti e obblighi dei membri formalmente stabiliti e concordati. Devono essere composte da un’organizzazione di coordinamento e dai membri.


Rappresentazione sui media e inclusione di migranti e rifugiati

Commissione Europea – DG Communications Networks, Content and Technology (CNECT)

La rappresentazione mediatica e la visibilità di gruppi vulnerabili come migranti e rifugiati rimane molto marginale nei media tradizionali in tutta Europa. Il bando mira a migliorare la visibilità di questi gruppi vulnerabili nei media, aiutandoli a utilizzare le proprie capacità e conoscenze per contribuire a plasmare la propria rappresentazione nei media. Ha lo scopo di dare voce a questi gruppi e sostenerli nella loro copertura mediatica, contribuendo a offrire nuove narrazioni positive sulla migrazione.


Transettoriale: Laboratorio per l’innovazione creativa

Commissione Europea - DG Educazione, Cultura e Audiovisivo

Il bando intende incoraggiare gli attori dei settori culturali e creativi a ideare e testare soluzioni digitali innovative aventi un potenziale impatto positivo a lungo termine su più settori culturali e creativi. Punta a facilitare la creazione di soluzioni innovative applicabili al settore audiovisivo e ad almeno un altro settore della cultura e creatività. Quest’anno l’azione intende anche prestare attenzione a due temi: 1) rendere più ecologici i settori culturali e creativi; 2) strumenti educativi innovativi che utilizzino la creatività e i settori creativi per affrontare questioni sociali rilevanti, come la disinformazione.


CULTURA: Bando per progetti di cooperazione europea

Commissione Europea - DG Educazione, Cultura e Audiovisivo

Il bando intende sostenere progetti che coinvolgono un’ampia varietà di attori attivi in diversi settori culturali e creativi, per svolgere un ampio spettro di attività ed iniziative. L’azione è ancorata al quadro politico della sezione Cultura del Programma Europa Creativa e alle sue priorità trasversali (inclusività, riduzione dell’impatto ambientale e parità di genere). I progetti di cooperazione europea hanno anche lo scopo di contribuire all’attuazione delle iniziative politiche emergenti dell’UE come il Nuovo Bauhaus Europeo.


KA 2 – Partenariati su piccola scala nei settori della scuola, della formazione e della gioventù – 2 ^scadenza

Commissione Europea - DG Educazione, Cultura e Audiovisivo

I partenariati su piccola scala sono pensati per ampliare l’accesso al Programma agli attori e alle persone nei settori dell’istruzione scolastica, dell’educazione degli adulti, dell’istruzione e formazione professionale, della gioventù.
Con importi inferiori delle sovvenzioni concesse alle organizzazioni, durata più breve e requisiti amministrativi più semplici rispetto ai partenariati di cooperazione, questa azione mira a raggiungere le organizzazioni di base, meno esperte e nuovi arrivati nel Programma, riducendo le barriere all’ingresso per coloro che hanno capacità organizzative inferiori.


Progetti di solidarietà – 2^ scadenza

Commissione Europea - DG Educazione, Cultura e Audiovisivo

I progetti di solidarietà mirano a sostenere lo sviluppo, il trasferimento e/o l’attuazione di pratiche innovative, nonché l’attuazione di iniziative congiunte, la promozione dell’apprendimento tra pari e gli scambi di esperienze a livello locale e sono realizzati direttamente dai giovani.


Progetti di volontariato – 2^ scadenza

Commissione Europea - DG Educazione, Cultura e Audiovisivo

I progetti di volontariato offrono ai giovani l’opportunità di prendere parte ad attività di solidarietà, aiutano ad affrontare i bisogni identificati all’interno delle comunità locali e contribuiscono a superare importanti sfide sociali sul campo. Il volontariato può svolgersi in un paese diverso dal paese di residenza del partecipante (tra quelli ammissibili) o nel paese di residenza del partecipante. La portata dei progetti di volontariato è ampia e copre un’ampia gamma di settori, come la transizione digitale, la protezione ambientale, la mitigazione dei cambiamenti climatici o una maggiore inclusione sociale.


Gruppi di volontariato in settori ad alta priorità

Commissione Europea - DG Educazione, Cultura e Audiovisivo

I gruppi di volontariato in settori ad alta priorità sono progetti su larga scala che sostengono le attività di gruppi di giovani il cui obiettivo è la realizzazione di interventi di breve durata e ad alto impatto, in risposta a sfide sociali all’interno di settori strategici definiti annualmente a livello dell’UE.
La priorità di quest’anno è incentrata sull’impatto e sul recupero del COVID 19, in particolare attraverso il sostegno ai sistemi sanitari e di assistenza sociale con attività che affrontano la prevenzione, la promozione e il supporto nel campo della salute.


Progetti di solidarietà – 1^ scadenza

Commissione Europea - DG Educazione, Cultura e Audiovisivo

I progetti di solidarietà mirano a sostenere lo sviluppo, il trasferimento e/o l’attuazione di pratiche innovative, nonché l’attuazione di iniziative congiunte, la promozione dell’apprendimento tra pari e gli scambi di esperienze a livello locale e sono realizzati direttamente dai giovani.