Bando speciale Covid-19 per progetti di ricerca sull’educazione

Spencer Foundation

Contributi fino a 50mila dollari per progetti di ricerca che possano comprendere i rapidi cambiamenti che stanno interessando l’educaizone nell’attuale condizione di crisi, con particolare focus sull’esacerbarsi delle diseguaglianze e sull’innovazione delle opportunità didattiche.


Bando per sostenere iniziative a favore dei giovani nel Mediterraneo occidentale

IECD - European Institute for Cooperation and Development

Contributi per iniziative presentate da organizzazioni della società civile di entrambe le sponde del Mediterraneo, per sviluppare nuovi approcci a favore dei giovani durante e dopo la crisi sanitaria, nei seguenti ambiti: educazione, formazione professionale, integrazione socio-economica, mobilità ed economia sociale solidale.


Missioni dell’Economia sociale

Commissione Europea DG Imprese e Industria – Agenzia EASME

Sostegno a “Missioni dell’Economia Sociale” che riuniranno autorità regionali e locali con priorità simili di economia sociale, accompagnate da stakeholder dell’economia sociale regionali e locali (imprese sociali, cooperative, PMI, ecc.). Le “Missioni dell’Economia Sociale” aiuteranno a costruire gradualmente un ecosistema di attori dell’economia sociale, incoraggiando l’interazione tra differenti partner pubblici e privati, contribuendo così allo sviluppo della comunità dell’economia sociale europea.


Piccoli contributi per iniziative dei giovani in risposta al Covid-19

Peace Firts

Mini finanziamenti e accompagnamento per i giovani (13-25 anni) di ogni parte del mondo che intendono attivarsi per rispondere agli effetti secondari della pandemia in termini di crescita delle disuguaglianze sociali.


Pratiche sostenibili per l’integrazione dei migranti appena arrivati nelle società di accoglienza – posticipata la scadenza

Commissione Europea - DG Ricerca e Innovazione

L’arrivo disordinato di un gran numero di migranti in Europa dal 2014 ha determinato un’eccezionale mobilitazione delle risorse (spesso frammentata in più progetti su piccola scala e limitati nel tempo) utilizzata per garantire una piena integrazione dei migranti nelle società europee. I finanziamenti sono stati mobilitati a livello europeo, nazionale, regionale e locale, determinando un gran numero di azioni sia nella politica che nella ricerca. Dopo una tale risposta di emergenza, è ora il momento di fare un bilancio del lavoro svolto, comprendere l’impatto delle risorse utilizzate e considerare le lezioni apprese.


Narrative sul fenomeno migratorio e il suo impatto: passato e presente – posticipata la scadenza

Commissione Europea - DG Ricerca e Innovazione

Il modo in cui discutiamo collettivamente della migrazione ha un impatto sulla definizione di politiche e risposte per affrontare questo fenomeno. Le narrative sulla migrazione, sia nei media che nei discorsi pubblici o politici, influenzano i processi politici in tutta Europa, influenzano le nostre percezioni sulle dinamiche migratorie e, in definitiva, incidono sull’integrazione dei migranti nelle nostre società. La sfida e l’obiettivo del bando è comprendere e spiegare le cause e le conseguenze di tali narrazioni, esaminandone la costruzione e valutandone gli effetti sugli atteggiamenti nei confronti dei migranti e sulla società in generale. Identificando la responsabilità di ciascun stakeholder – i responsabili politici, le organizzazioni della società civile, i cittadini e i migranti – nel dare forma a questi racconti e facendo luce sulle conseguenze delle narrative sul fenomeno migratorio. In questo modo il ruolo e la responsabilità di ciascun stakeholder saranno meglio definiti e il loro competenze potenziate.


Mappatura e superamento delle sfide di integrazione per i bambini migranti – posticipata la scadenza

Commissione Europea - DG Ricerca e Innovazione

Obiettivo del bando, in un momento in cui l’integrazione dei rifugiati e dei bambini migranti nelle società ospitanti è più urgente, è sostenere i sistemi di istruzione nell’affrontare molteplici sfide dovute alla crescente diversità culturale, linguistica ed etnica e alle disuguaglianze socio-economiche.


Pratiche inclusive e innovative per l’integrazione dei migranti appena arrivati nelle comunità locali – posticipata la scadenza

Commissione Europea - DG Ricerca e Innovazione

L’arrivo dei migranti contribuisce a diversificare la composizione demografica, culturale, linguistica, etnica e religiosa di città, sobborghi e comunità rurali già molto diverse in Europa. Ciò può rappresentare un’opportunità, ma anche una sfida significativa se si svolge in modo disordinato, come si è verificato sin dal 2014. La sfida e l’obiettivo sono quelli di fornire ai responsabili politici a livello locale, regionale, nazionale e sovranazionale, alle organizzazioni della società civile e altri attori pertinenti proposte efficaci, reattive, flessibili, specifiche per contesto e la cultura del territorio di accoglienza, misure volte a promuovere l’integrazione e l’inclusione socioeconomica nonché l’accesso a diritti e servizi. Ciò include strategie sostenibili e partecipative, anche con il coinvolgimento di cittadini, attori della società civile, istituti di istruzione e settore privato.


Promuovere l’effettiva attuazione del principio di non discriminazione – scadenza posticipata

Commissione europea - DG Giustizia

Il bando mira a sostenere progetti nazionali e transnazionali volti a promuovere l’attuazione del principio di non discriminazione ovvero la lotta alle discriminazioni fondate sul sesso, la razza, l’origine etnica, la religione, le convinzioni personali, la disabilità, l’età, l’orientamento sessuale e a favorire l’integrazione dei Rom.